ORARIO SU APPUNTAMENTO: Lun-Ven: 8:00 - 20:00 - Sabato: 9:00 - 13:00
+39 392 19 19 268
Prenota online la tua visita

Artrosi e Dolori Cronici

SOFFRI DI ARTROSI O DOLORI CRONICI?

Alcune patologie come artrosi, cervicalgia, ernie discali, fibromialgia ecc. possono portare un dolore cronico persistente e molto fastidioso che limita le attivita´ di vita quotidiana fino a poter alterare addirittura la qualità del sonno creando un circolo vizioso dal quale si fa fatica ad uscire.

Nel nostro studio fisioterapico, professionisti specializzati, possono migliorare notevolmente questo tipo di situazioni attraverso  l´utilizzo di una serie di terapie manuali e strumentali e/o attraverso un programma di recupero dei movimenti peggiorati o perduti.

COSA S´INTENDE PER DOLORE CRONICO?
Per dolore cronico s’intende un dolore che persiste più a lungo del corso naturale della guarigione associata a un particolare tipo di danno o di malattia.

DA COSA DERIVA?
Il dolore cronico può derivare da una serie di fattori. In alcuni casi è originato da una malattia o da un trauma e può persistere a causa di stress, problemi emotivi, cure sbagliate o da un’ipersensibilità dei recettori del dolore. A volte si manifesta senza alcuna causa nota.

QUALI SONO LE CAUSE DEL DOLORE PERSISTENTE?
Tra le patologie responsabili più diffuse possiamo citare:
-FIBROMIALGIA
-ERNIE
-NEUROPATIE
-ARTROSI

ARTROSI: CURIAMOLA INSIEME

Quanto conta l’intervento tempestivo?
L’elemento chiave per aiutare il medico o lo specialista a orientare correttamente la diagnosi, sono i sintomi. Purtroppo ancora oggi tra i primi sintomi di diverse malattie reumatiche e la loro diagnosi possano trascorrere mesi o addirittura anni. Ecco perché diventa cruciale abbreviare questi tempi considerato che gran parte di queste malattie, se trattate in modo tempestivo, possono essere ben controllate.

Quali sono questi sintomi fondamentali?

1) Gonfiore e dolore alle articolazioni delle mani o dei polsi che persistono per più di tre settimane. Potrebbero essere dovuti a un’artrite.
2) La rigidità articolare al mattino: se dura meno di un’ora, potrebbe essere legata all’artrosi (malattia reumatica degenerativa), mentre se supera questa soglia e si associa a gonfiore e dolore persistente delle articolazioni, è probabile che si tratti di artrite (patologia infiammatoria).
4) Il pallore improvviso e persistente delle dita delle mani in seguito ad esposizione al freddo o emozioni, potrebbe far pensare al fenomeno di Raynaud, che può essere innocuo, ma anche indicativo di particolari malattie reumatiche, le connettiviti.

Insomma, i segnali sono tanti, a volte più specifici altre volte più vaghi; l’importante è non sottovalutarli, ma cercare di capire da che cosa dipendano per partire sin da subito col piede giusto.

COMINCIA SUBITO: PRENOTA ONLINE LA TUA VISITA!

La salute è importante e Noi di Fisioclinik ti accompagniamo nel tuo benessere.
fisioterapista bologna

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere aggiornati sulle novità e non perdere i consigli del nostro Specialista per la Tua schiena.