Lorem Ipsum dolor sit amet

fisioclinik_restyling_logo_2022_orizzontale_positivo.jpeg

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

 Privacy PolicyCookie Policy|

Designed by Tommaso Stassi

INFO@FISIOCLINIK.com

FISIOCLINIK - clinica di fisioterapia


phone
whatsapp
facebook
instagram

FISIOCLINIK @ ALL RIGHT RESERVED 2022

distorsione di caviglia

OSTEOPATIA: COME CURA E PREVENZIONE

06-12-2023 12:34

Dott. Tommaso Stassi

SCHIENA, SCIENZA PER LA COLONNA, TERAPIA MANUALE, OSTEOPATIA,

OSTEOPATIA: COME CURA E PREVENZIONE

L'osteopatia si basa su dei principi quali unità del corpo, capacità di auto-guarigione e visione olistica della salute.

copia-di-copertina-articoli.png

L’osteopatia è una professione che si basa su un approccio manuale centrato sulla persona considerandola nella sua globalità. 

Le tecniche osteopatie vengono messe in atto per individuare e intervenire sulla disfunzione somatica ripristinando la corretta mobilità delle strutture corporee e tra le stesse, con lo scopo di migliorare il funzionamento dei sistemi e degli apparati e sostenere l’omeostasi del paziente. 

Esistono diverse tecniche osteopatiche, possiamo però suddividerle in quattro categorie principali: muscolo-scheletriche, tecniche mio-fasciali, tecniche craniali e tecniche viscerali.

Da ciò possiamo sdoganare il pensiero che l’osteopatia tratta solo segmenti ossei e articolazioni; al contrario le manipolazioni vengono applicate anche su organi e tessuti basandosi sulla fisiologia e anatomia del corpo.



 

I PRINCIPI DELL'OSTEOPATIA

 

L’osteopatia analizza il corpo nella sua totalità cercando di includere tutti gli aspetti della vita del paziente: psicologici, ambientali, strutturali ecc. L’osteopata tratta il paziente stimolandolo, dandogli quindi degli impulsi per favorirne la guarigione.

L’osteopatia si basa su dei principi, quali:

Unità del corpo

Metodologia olistica: ogni parte costituente la persona è dipendente Dale altre e il corretto funzionamento di ognuna assicura quello dell’intera struttura; ne deriva perciò l’equilibrio psicofisico e il benessere.

Relazione tra struttura e funzione

Ci deve essere un corretto equilibrio tra struttura e funzione del nostro corpo in modo da generare una sensazione di benessere. Qualora tale equilibrio venga alterato si parla di disfunzione osteopatica.

Autoguarigione

Il terapeuta favorisce la capacità innata del corpo ad auto curarsi.


 

 

TECNICHE OSTEOPATICHE

 

Le tecniche muscolo-scheletriche sono efficaci per i cosiddetti “disturbi comuni”, come mal di schiena e torcicollo. In generale vengono utilizzate per i dolori di tipo articolare, muscolare o scheletrico. Hanno lo scopo di ripristinare la corretta mobilità di struttura ossea, muscolare e articolare che hanno subito alterazioni funzionali. 

L’osteopata interviene con movimenti rapidi e precisi sul punto esatto dell’area da trattare.  Esistono però altre tecniche che si svolgono più dolcmente, manipolano e distendono e premono i muscoli. 

 

Le tecniche mio-fasciali consistono in manipolazioni tramite il massaggio e rilascio di muscoli e fasce muscolari. L’obiettivo è quello di rilasciare le tensioni che provocano dolori e difficoltà di movimento. 

 

Le tecniche osteopatie craniali si basano sulla mobilità del cranio agendo sul movimento delle ossa del cranio e del sacro. La manipolazione craniale agisce delicatamente sulle ossa del cranio, liberandone la mobilità. In questo modo si possono allentare le tensioni e gli stress fisici come i disturbi digestivi e del sonno, cefalee, dismenorrea e problemi motori.

 

Le tecniche viscerali sono probabilmente quelle meno conosciute dai pazienti. Consistono in manipolazioni dei visceri, soprattutto dei tratti lombare e sacrale. Molto spesso una cattiva mobilità degli organi interni è dovuta a rigidità della postura e tensioni corporee. In questo caso l’osteopata interviene attraverso palpazioni e manipolazioni per ristabilire la giusta mobilità ai visceri. 



 

foto-articoli-(2120-×-1057-px).png

QUANDO È INDICATO IL TRATTAMENTO OSTEOPATICO

 

L’osteopatia trova indicazione ad ogni età, anche nel bambino. 

Nel neonato può essere utile per correggere malformazioni craniche dovute al parto o ridurre l’irritazione di alcuni nervi cranici responsabili di disturbi digestivi.

Durante la fase di sviluppo dell’adolescente, l’osteopatia può prevenire o trattare disfunzioni strutturali che favoriscono malocclusioni dentali, dismorfismi degli arti inferiori, strabismi o problemi visivi che si possono verificare a seguito di disfunzioni delle strutture ossee o membranose del cranio.

L’osteopatia può essere efficace anche a scopo preventivo quindi in assenza si sintomatologia conclamata. L’osteopatia mira a ricercare e correggere quelle disfunzioni che nel lungo periodo possono portare a percepire dolore anche in zone lontane dalla fonte dolorosa. Migliorando la funzione dell’intero sistema si riduce la possibilità d’infortunio o che si presenti semplicemente un dolore. 

Detto ciò risulta utile una valutazione osteopatica che può favorire l’equilibrio necessario al mantenimento di un buono stato di salute. 

 

 

 

foto-articoli-(2120-×-1057-px)-2.png
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder