Lorem Ipsum dolor sit amet

fisioclinik_restyling_logo_2022_orizzontale_positivo.jpeg

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

 Privacy PolicyCookie Policy|

Designed by Tommaso Stassi

INFO@FISIOCLINIK.com

FISIOCLINIK - clinica di fisioterapia


phone
whatsapp
facebook
instagram

FISIOCLINIK @ ALL RIGHT RESERVED 2022

distorsione di caviglia

INCONTINENZA URINARIA: COME RISOLVERE IL PROBLEMA

20-03-2024 09:05

Dott. Tommaso Stassi

PAVIMENTO PELVICO,

INCONTINENZA URINARIA: COME RISOLVERE IL PROBLEMA

L’incontinenza urinaria è una condizione caratterizzata dalla perdita involontaria di urina. È una condizione che può portare molto disagio per chi ne soffre.

7e8bb62c-b568-4506-9c8a-da77f41df816.png

L’incontinenza urinaria è una condizione caratterizzata dalla perdita involontaria di urina. È una condizione che può portare molto disagio per chi ne soffre, soprattutto dal punto di vista sociale e relazione. 

Questa è una condizione che colpisce sia uomini che donne, anche se il sesso femminile ne è più soggetto.

Ad ogni modo, l’origine del problema è molto probabile che sia per disfunzione del pavimento pelvico, area del bacino in cui vi è un delicato equilibrio di muscoli, ossa e nervi, che si può alterare per diverse cause.  


 

 

TIPOLOGIE 

 

L’incontinenza urinaria è una disfunzione che può avere origini diverse, cause diverse e si può manifestare in molte forme:

  • Incontinenza da stress: avviene quando uno stimolo, per esempio un colpo di tosse, uno starnuto, una risata improvvisa, uno sforzo fisico, esercita una pressione sulla vescica. 
  • Incontinenza da urgenza: avviene quando si ha una improvvisa esigenza di urinare, dovuta da una contrazione imprevista e incontrollabile della vescica.
  • Incontinenza ostruttiva: avviene quando la vescica si riempie eccessivamente ma si hanno difficoltà di svuotarla durante la minzione.


 

 

CAUSE

 

Sono molteplici le cause che possono portare a incontinenza urinaria.

Nelle donne, i cambiamenti fisici che possono avvenire durante la gravidanza, durante il parto o nel periodo di menopausa o per via di intervento di rimozione dell’utero, possono provocare una disfunzione che ha come conseguenza l’incontinenza. 

La cistite, infiammazione di natura infettiva, è anch’essa una causa frequente che incrementa il bisogno di urinare. 

Negli uomini, l’incontinenza urinaria può presentarsi a causa di prostata ingrossata o dopo l’intervento di rimozione della prostata.

 

L’incontinenza da urgenza, invece, può essere causata da infezioni del tratto urinario, oppure dalla presenza di calcoli, da problemi intestinali o addirittura da patologie che alterano la funzionalità del sistema nervoso.

Anche alcuni farmaci o alimenti possono causare l’incontinenza urinaria.

 


 

SINTOMATOLOGIA 

 

Il sintomo predominante e più comune che il soggetto avverte quando soffre di incontinenza urinaria è la perdita di controllo del bisogno di urinare. Questo può verificarsi sia con piccole perdite di urina, sia con perdite abbondanti. 

A volte la minzione può anche essere dolorosa, per cause irritative.

Tuttavia, i sintomi più importanti sono dati dalla sofferenza psicologica della persona stessa. Questo disturbo danneggia seriamente la qualità di vita e mette in difficoltà gli aspetti emotivi, relazionali e sociali dell’individuo. 


 

 

6a71785b-7cf4-43c6-9b01-e960f491bd54.png

PREVENZIONE

 

La prevenzione per l’incontinenza urinaria nelle sue varie forme è difficile.

Le migliori raccomandazioni sono quelle di mantenere uno stile di vita sano, praticando attività fisica regolare e moderata e un’alimentazione equilibrata. È importante bere circa 2-3 litri di acqua al giorno, evitando alcolici e fumo.

Prevenzione significa anche essere eventualmente valutati e/o seguiti da un esperto del settore qualora il soggetto si renda conto di iniziali complicanze o disagi, senza aspettare che il sintomo peggiori.


 


 

TRATTAMENTO  

 

Il trattamento per questo tipo di disturbo dipende dalla gravità del problema e dalla causa sottostante.

L’obiettivo comune rimane quello di migliorare la qualità di vita del paziente.

Nella maggior parte dei casi, il primo approccio è quello di tipo conservativo. Svolgere fisioterapia ed esercizi specifici per rinforzare il pavimento pelvico può essere il primo step efficace. 

Qualora i sintomi fossero più gravi e gli altri trattamenti inefficaci, può essere raccomandato un approccio farmacologico e/o chirurgico.

Il successo terapeutico dipende comunque da una corretta diagnosi.


 

 

 

FISIOTERAPIA 

 

Se questo disturbo è dovuto a un problema a livello pelvico e/o anatomico o funzionale, prima di procedere con interventi chirurgici, il primo step è quello di tentare un approccio riabilitativo del pavimento pelvico, il cui compito è quello di sostenere gli organi pelvici e permettere un corretto espletamento delle loro funzioni. 

Svolgere con regolarità gli esercizi di Kegel è un modo per rinforzare la muscolatura del pavimento pelvico, in modo da contrastare e controllare le perdite urinarie. 

Gli esercizi di Kegel vengono svolti effettuando una serie di contrazioni e rilassamenti dei muscoli, ripetuti per più volte al giorno. 

Per ripristinare il tono muscolare, possono essere utilizzate anche tecniche comportamentali alternative che prevedono l’uso di stimolazioni elettriche.

eb7ce909-d8ba-49a6-971e-b963027e8b5f.png
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder